Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore.

Instagram

Follow us

Banca Carim. Convegno “Il sovraindebitamento delle famiglie. Le cause e gli strumenti di superamento della crisi”

  Rimini, 11 dicembre 2016 – Temi di stringente attualità saranno al centro del Convegno dal titolo: “Il sovraindebitamento delle famiglie – Le cause e gli strumenti di superamento della crisi”. L’appuntamento, alla seconda edizione, è fissato per lunedì 12 dicembre dalle ore 9.00 alle ore 19.00 nella Sala Energia del Centro Congressi SGR di Rimini, via Chiabrera 34/b. Il Convegno è organizzato da Banca Carim insieme all’Ordine e alla Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della Circoscrizione del Tribunale di Rimini. Autorevoli personalità del mondo accademico e delle istituzioni interverranno su tematiche legate al sovraindebitamento e sulle procedure di ‘esdebitazione’ (e cioè di ‘cancellazione dei debiti’) messe a disposizione dal legislatore per le famiglie, i consumatori, le associazioni, i professionisti che vogliono liberarsi dal peso dei debiti e ricostruirsi un futuro. “Anche Banca Carim sta facendo la sua parte per concedere una seconda chance a chi si è indebitato oltre le proprie possibilità – commenta il Prof. Avv. Sido Bonfatti -. Ad oggi sono state oltre 430 le rinegoziazioni di finanziamenti per quasi 138 milioni di euro, mentre grazie all’accordo ABI – Associazioni dei Consumatori, Banca Carim ha sospeso, solo nel 2016, quote capitale di rate mutuo per 320.000 euro. L’impegno a favore di chi si trova in difficoltà è andato di pari passo con l’erogazione di nuovi finanziamenti che nel primo semestre 2016 ha toccato quota 137 milioni di euro, mentre gli impieghi alla clientela ammontano a 2.552 milioni di euro, con un aumento dello 0,7%”. Il Convegno sarà aperto dai saluti di S.E. il Prefetto di Rimini Dott.ssa Peg Strano Materia, della Dott.ssa Giovanna Ollà, Presidente Ordine Avvocati di Rimini e del Dott. Bruno Piccioni, Presidente ODCEC Rimini. Tra i relatori: Prof. Avv. Sido Bonfatti, Presidente Banca Carim; Dott. Felice Ruscetta, Consigliere Nazionale CNDCEC con delega alla crisi di sovraindebitamento; Dott.ssa Rossella Talia, Presidente Tribunale Rimini; Dott. Alessandro Farolfi, Giudice Delegato Tribunale di Ravenna; Dott.ssa Lisa Lombardi, Referente “OCC Romagna”; Dott. Maurizio Maggioni, Direttore Volontarimini; Dott. Renzo Cipriani, Vice Presidente Associazione Famiglie Insieme; Dott. Antonio Tinelli, Presidente Comunità San Patrignano; Dott. Giampaolo Scardone, Direttore Generale Banca Carim; Prof. Giuseppe Savioli, Presidente Fondazione Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Rimini; Dott. Vittorio Zanichelli, Presidente del Tribunale Modena; Dott.ssa Barbara Vacca, Giudice Delegato del Tribunale di Forlì. “Durante il Convegno – dichiara il dott. Bruno Piccioni – verrà presentato l’organismo di composizione della crisi “OCC Romagna”, nato in attuazione del D.M. 2002 del 2014, e ne sarà illustrata la procedura. L’organismo è stato costituito per andare incontro alle necessità, create dalle difficoltà della crisi economica, delle persone fisiche “non imprenditori” quali privati, professionisti, imprenditori, società non fallibili. Un organismo che svolgerà un importante ruolo sociale, oltre che alleviare il lavoro del Tribunale. La stretta collaborazione tra i quattro ordini che hanno costituito l’associazione (Rimini, Forlì-Cesena, Ravenna e Ferrara) garantirà infatti non solo un risparmio in termini di costi di gestione, ma anche vantaggi a coloro che hanno necessità di rivolgersi a questo istituto”. “La possibilità per i Consigli dell’Ordine – spiega Giovanna Ollà, Presidente Ordine Avvocati Rimini –riconosciutagli dalla legge n. 3/2012, di costituire gli organismi di composizione della crisi da sovra indebitamento e quindi la partecipazione degli avvocati quali gestori della crisi, rappresenta un momento fondamentale per l’affermazione del ruolo di promozione sociale della Avvocatura e di rinnovo del patto di fiducia con il cittadino”.
Print Friendly, PDF & Email