Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore.

Instagram

Follow us

SUCCESSO AL CENTRO OBESITÀ E NUTRIZIONE CLINICA DI VILLA IGEA A FORLÌ PER L’OBESITY DAY 2013

CON UNA QUARANTINA DI RICHIESTE A SETTIMANA, CONTINUA L’AFFLUSSO DI PERSONE IN SOVRAPPESO O METABOLICAMENTE OBESE. INTERESSATE A UN CONSULTO SPECIALISTICO. Il 70% di chi sottopone a un controllo è donna

Forlì, 21 Ottobre 2013 – Continuano ad essere numerose le richieste di visite mediche e specialistiche al Centro Obesità e Nutrizione Clinica di Villa Igea a Forlì, circa 40 a settimana, dopo il successo ottenuto dai consulti medici gratuiti svolti in occasione dell’Obesity Day, la Giornata nazionale di sensibilizzazione al tema dell’obesità organizzata dall’ADI, Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, svoltasi sabato scorso. Chi si rivolge al Centro sono in gran parte donne (il 70% dei casi), con un’età che varia dai 4 ai 92 anni. L’eta media è di 46 anni. La definizione di sovrappeso viene data con l’indice di massa corporea, che è il peso in kg diviso l’altezza al quadrato espressa in metri: chi ha valori uguali o superiori a 25 è in sovrappeso. In alternativa si usa il girovita: chi ha 88 cm di circonferenza addominale se donna o 102 cm se uomo ha una condizione di “obesità viscerale” che si può associare anche ad un peso apparentemente normale. In occasione dell’Obesity Day, le persone in sovrappeso, ma anche quelle di peso normale ma con la “pancetta”, ossia potenziali magri metabolicamente obesi, hanno ricevuto una valutazione gratuita con dietista, infermiere e medico presso il Centro di Villa Igea. “È stato un successo oltre ogni aspettativa – dichiara Rita Pullara, dietista responsabile dell’Obesity Day a Villa Igea – tanto che abbiamo dovuto estendere l’orario dell’iniziativa per venire incontro al flusso continuo delle persone al Centro. Complessivamente trenta persone hanno effettuato la valutazione di peso, altezza e circonferenza addominale oltre che della pressione arteriosa. Tutti hanno ricevuto consigli sull’alimentazione e sull’attività motoria. Diverse altre persone hanno chiesto di ricevere materiale educazionale via mail”. “Più della metà di coloro che hanno partecipato all’iniziativa hanno scoperto di essere degli ipertesi, o di avere un’obesità vera e propria e non solo un semplice sovrappeso – rivela la dottoressa Maria Letizia Petroni, medico specialista del Centro Obesità e Nutrizione Clinica di Villa Igea a Forlì -. In questi casi un semplice counseling nutrizionale di primo livello può non essere sufficiente, le persone sono state invitate a contattare il proprio Medico Curante per ulteriori approfondimenti ed ovviamente rimaniamo a disposizione in caso di necessità”.    
Print Friendly, PDF & Email